Attento sempre alla sala, per farvi passare ore indimenticabili.

 
Sono passate da poco le undici, la milonga ha aperto le porte da poco.
.
 
Le persone si vanno distribuendo lungo i lati della sala, diverse coppie sono già in pista. Hanno già cenato, ed ora, in molti, stanno sorseggiando un caffè al piccolo bar là in fondo.
 
Presumo che la maggioranza delle persone è qui per ballare il tango argentino.
La musica, che è per certi aspetti antica e sempre bellissima, li farà muovere abbracciati per tutta la notte.
.
Ci sono persone che, oltre a ballare, fanno pure i musicalizadores, cioè quelli che, per mestiere o per piacere, curano l’intera selezione musicale di una serata in milonga. Scelgono i brani secondo criteri molto precisi che richiedono una certa competenza, e se ne stanno per tutto il tempo affaccendati dietro a una consolle allo scopo di far ballare gli altri. Sì, è come il DJ in una discoteca, con la differenza che il musicalizador conosce approfonditamente oltre un secolo di tradizione musicale e talvolta accenna come un maestro direttore d’orchestra un movimento delle braccia. I più competenti e preparati annunciano titolo,  ed esecutore dei brani per richiamare l’attenzione degli amanti di questo o quell’altro artista.
.
Sono io il musicalizador questa sera e vengono per ascoltare come conduco una serata, che onore averli in sala.
.
 
Puoi pensare di me anche come ad uno scrittore. Cerco nel vocabolario della mia cassetta i brani giusti per scrivere il libro della serata. Così, capitolo per capitolo, arriverai alla parola FINE senza accorgerti, rimanendo immerso nel  racconto della milonga lasciando tutto il mondo fuori.
 
Io sono sempre li per te con la camicia bianca, la giacca scura ed il cappello, una camelia bianca all’occhiello.
.
Se te lo stai chiedendo puoi pensarlo: “Quello lì ha passato il suo tempo libero dell’ultima settimana a pensare la selezione musicale di stasera. L’ha cambiata diverse volte e si è preparato molto materiale di scorta, perché in questa milonga Lui conosce i gusti dei clienti abituali, che sa essere molto esigenti. “
 
Sì, ma che ballo è il tango argentino?
 .
Una cosa di tacchi, calze a rete, rosa in bocca, smorfie di svenimento e languido ancheggiare?
.
No, il tango può essere anche definito come un uomo e una donna abbracciati che ballano insieme.
Immaginali come vuoi, ma non metterli in posa.
 
Lo hai fatto?
.
Adesso è importante che ti liberi anche dal pensiero: “eseguono una coreografia prestabilita”
Non c’è coreografia, non c’è partitura, non c’è copione, nemmeno una scaletta decisa prima, cioè ci sono solo ampie concessioni all’improvvisazione, facciamo che ci sono appunti:
“questa è una sacada, questo è un ocho cortado, e ce li piazzo quando mi pare purché in un momento musicale in cui ci possono stare bene.”
 
D’accordo, ma che significa?
 
Il tango funziona più o meno così, come una chiacchierata tra due persone, con tutti gli imprevisti della comunicazione.
L’uomo decide la frase da dire secondo la cadenza in ascolto e guida il passo, lei lo riceve, lo interpreta e lo restituisce arricchito del proprio movimento.
Insieme lo esprimono.
 
Ecco , ed io …. tengo gli occhi puntati sulla sala.
 
Se non possono parlarsi, come fanno l’uomo e la donna a dirsi che intenzioni hanno e quindi invitarsi?
.
Lo fanno con la mirada e il cabeceo.
 .
La prima è compito fondamentale della donna, che con lo sguardo percorre tutta la sala e solo con lo sguardo dice: “sono pronta”
Il secondo è compito fondamentale dell’uomo, che, dopo aver incontrato lo sguardo della donna e aver atteso qualche istante per assicurarsi che la sua disponibilità è accordata proprio a lui e non ad altri, la invita al ballo con un lieve cenno del capo.
 
Così è nella milonga
 
Si, ed io tengo gli occhi puntati sulla sala ed inizio a scrivere una storia, una storia di tango, una storia di amore, si perché una storia si può raccontare attraverso la musica. La milonga è in una atmosfera suggestiva, regalo brani rari e concedo il battito di una musica straordinaria in perfetta sintonia con gli aspetti più intriganti di questo ballo.
 
Violino, pianoforte, bandoneón, il musicalizador è un arte che sa ispirare e conquistare i cuori appassionati.
Quando metto musica, in parte, ti racconto una storia di vita.
 
La musica è una vera magia che condividiamo, bisogna saperla ascoltare.
.
Il luogo migliore dove condividerla è la milonga, luogo sociale per eccellenza.
 .
francesco el actor
 
Francesco El Actor, il Musicalizador.
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.